House Ad
House Ad

Mediacenter24 - Video

Ricerca libera

Scegli canale

Bolano 10 anni dopo, Nicola Lagioia racconta lo scrittore cileno

DESCRIZIONE

Milano (TMNews) - Insieme a David Foster Wallace è stato la voce più intensa della nostra contemporaneità letteraria. Roberto Bolano, a dieci anni dalla morte, continua a parlarci attraverso le sue opere, ma soprattutto attraverso i suoi personaggi. Uno dei più importanti scrittori italiani, Nicola Lagioia, lo presenta così: "A me sembra veramente che Roberto Bolano sia il primo grande scrittore del XXI secolo".Lagioia, in un contesto notturno molto cileno, parla del Sudamerica, che Bolano ha descritto come nessuna altro prima. "Se gli Stati Uniti sono stati per anni la fabbrica d'Europa, il Sudamerica è stato il manicomio d'Europa. In questa specie di labirinto di Cnosso che si muove, si snoda, sempre più in profondità lungo il Sudamerica, c'è una stanza nascosta, piombata, che è quella da cui racconta le cose Bolano, che è il luogo del Sudamerica da cui la cultura occidentale parla".Anche dalla interviste Bolano lascia trasparire la propria energia anarchica e inesauta, che assume sfumature di mistero e fascino assoluti. "C'era uno scrittore sudamericano - conclude Lagioia - che aveva detto che sembrava quasi che i libri di Bolano fossero scritti dopo la morte. Sono i libri dei grandissimi scrittori che sembra che ci parlino dal futuro. Roberto Bolano fondamentalmente ha preso una staffetta che deve ancora essere raccolta e, nel periodo di massima crisi del mondo occidentale è una delle persone che danno speranza".

PARTECIPA

Voti  

Pubblicità